SCARICA GRATIS LA TOOLBAR DI ricettefacili

toolbar powered by Conduit

MI TROVI ANCHE QUI...

Ricette Last Minute

Partecipa al forum... ci interessa la tua opinione!

---------------------------------------------------

venerdì 6 settembre 2013

LA PASTA INTEGRALE




Sappiamo bene come una buona alimentazione possa aiutare a prevenire le malattie oppure aiutare chi già ne soffre. Così come è stato detto anche nella trasmissione Report in occasione di un suo servizio. Il Progetto Diana - è uno studio che vede impegnati centri di Milano, Torino, Perugia, Napoli, Potenza, Palermo - della Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori di Milano. Chef, nutrizionisti ed oncologi insieme impegnati a capire e spiegare come certe malattie possono essere combattute quotidianamente attraverso le scelte alimentari.
Quindi si ad una sana alimentazione, si ai cereali integrali.
I prodotti integrali lavorati, tipo farine integrali o paste integrali, sono diversi dai cereali interi integrali, detti anche “whole grain”.
Per cereale intero si intende un cereale a cui non è stato tolto né il rivestimento esterno, ovvero la crusca, né il germe interno.
Di cereali integrali se ne trovano molti in commercio: si può scegliere tra il riso, l’orzo, l’avena. Questo tipo di cereali sono assolutamente un buon alimento. Non solo ci aiutano ad incrementare la quantità di fibra nella dieta, ma hanno anche un basso indice glicemico! Questo perché, a differenza della pasta, le fibre non sono state introdotte una volta macinate nel prodotto, ma sono naturalmente disposte all’esterno e formano una barriera. Questa barriera rallenta il rilascio dei carboidrati durante la digestione, prolungando il senso di sazietà!
( ATTENZIONE: nella dieta dei bambini i cereali integrali, come tutti i prodotti integrali non fermentati, non sono consigliati. Vi sono alcuni elementi costituenti le fibre che sono infatti in grado di legare alcuni nutrienti come il calcio e il ferro. In una dieta varia come quella di un adulto questo non incide sulla salute dell’individuo (a meno che non si mangi prevalentemente cereali integrali!), mentre per i bambini potrebbe costituire un problema! Quindi, sì a pane integrale per tutta la famiglia…no a cereali interi per i più piccoli!)
La pasta è di per sé un alimento saziante, perché ha basso indice glicemico: grazie alla sua struttura tenace, infatti, gli zuccheri sono più difficilmente accessibili. Un buon piatto di pasta rilascia gradualmente l’energia al nostro organismo e ci fa sentire meno fame. Una pasta integrale, come abbiamo detto, contiene una buona quantità di fibre in più rispetto ad una pasta di grano duro. Queste fibre fanno bene all’intestino ma rendono la struttura della pasta meno compatta. Fanno insomma alzare l’indice glicemico del piatto, il che corrisponde ad una pronta energia subito dopo il pasto ma ad un altrettanto veloce ritorno della “fame” ...

(Fonte delle informazioni  "GASTROBLOG").

sabato 3 dicembre 2011

Rhodiola rosea

Tra le proprietà della Rhodiola possiamo annoverare:
Spiccata capacità di supporto nell'affrontare le difficoltà della vita (anti stress);
Scudo naturale nel contrastare le insidie dello stress sia fisico, sia psichico; Potenziatore delle capacità intellettive mnemoniche; Adatta a tutte le età;
Anti ansia dato che non ha le controindicazioni tipiche delle piante eccitanti;
Proprietà nel rafforzare la capacità dell'organismo a superare i periodi "critici" e di dare un senso di benessere grazie anche alla proprietà di stimolare l'organismo nella produzione di Serotonina: un ormone del "benessere".Contro la stanchezza e la facile irritabilità;
Coadiuvante per resistere agli stimoli della "fame nervosa"; Per essere sereni e in equilibrio con se stessi.
La Rhodiola rosea è innanzitutto un potente adattogeno, utile quindi per accrescere la resistenza dell'organismo agli stress di varia natura. Sappiamo che una normale risposta allo stress ci permette di superare le avversità e ci consente di adattarci aiutandoci a superarle. Quando però ci facciamo condizionare troppo dallo stress e la nostra risposta ad esso diventa abnorme, così che anche i normali problemi quotidiani ci sembrano insormontabili, allora il suo impatto sull'organismo può mettere in pericolo la nostra salute.
Lo stress cronico può addirittura generare squilibri ormonali, ma anche diminuire la resistenza fisica e le capacità intellettuali, può causare alterazioni dell'umore, generare ansia e depressione, innescare disfunzioni sessuali, interferire con le corrette funzioni dell'apparato cardiovascolare, abbassare le difese immunitarie, accelerare l'invecchiamento e facilitare l'insorgenza di diverse malattie.
Lo stress cronico
può interferire anche sulle funzioni cognitive, alterando le fasi di apprendimento, memorizzazione e concentrazione, come ben sanno gli studenti che si preparano a sostenere un esame, e ridurre la capacità di affrontare un lavoro particolarmente impegnativo, o un avvenimento negativo. Anche in questi casi gli studi effettuati dimostrano che la Rhodiola rosea produce un miglioramento della condizione fisica, ma soprattutto un minor affaticamento mentale, una maggior attenzione e migliore concentrazione, oltre a un miglioramento dei tempi di reazione durante i test di controllo.
La Rhodiola rosea ha dato risposte molto buone anche sulle alterazioni legate alla sfera emozionale, come alcune sindromi depressive, alterazioni dell'umore, disfunzioni sessuali di natura psicologica, sintomi di affaticamento e apatia, disturbi del sonno, con sostanziale riduzione o completa scomparsa dei disturbi.

Solo da poco tempo si è incominciato a studiare il possibile ruolo della Rhodiola rosea nella prevenzione e nel trattamento dell'obesità, ma a tutt'oggi esistono solo due studi sugli eventuali effetti che essa potrebbe avere sul metabolismo dei grassi, poiché pare che aumenti la lipolisi (scissione dei grassi). Sembra tuttavia lecito ritenere che la Rhodiola rosea abbia anche un'azione indiretta sul trattamento dell'obesità e sul sovrappeso, grazie proprio alla sua azione sullo stress che è spesso associato all'obesità, e che può esserne una causa.
Situazioni di stress cronico, infatti, portano spesso a ricercare nel cibo un'azione "consolatoria", innescando un processo che talvolta è difficilmente reversibile, per cui l'azione di questa pianta ovvierebbe a questo inconveniente legato allo stress, che diventerebbe così più facilmente controllabile. PROPRIETA':
L'azione dimagrante è dovuta alla stimolazione di alcune lipasi in grado di accelerare la liberazione dei grassi dai tessuti di deposito (lipolisi) per trasformarli in grasso bruno facilmente demolito, cioè "bruciato" per produrre energia.
Uno studio eseguito su 130 pazienti in sovrappeso ha prodotto una perdita media di 9 chili in tre mesi.
Nei pazienti sedentari la lipolisi risultava aumentata di circa il 17%, nei pazienti che facevano ginnastica o sport tale aumento raggiungeva il 44%. L'azione dimagrante è inoltre legata alla capacità della Rodiola di aumentare del 30% circa i livelli di serotonina nel Sistema Nervoso Centrale, sostanza in grado di togliere il desiderio ossessivo di carboidrati e svolgere azione sedativa-antiansia, riducendo notevolmente la fame ansiosa.

I glicosidi contenuti nella radice sono pure capaci di incrementare i livelli di dopamina, sostanza capace di trasmettere al S.N.C. un segnale di sazietà.

L'azione adattogena, antistress, favorente in generale le capacità di apprendimento e di memoria , ben conosciute dalla medicina popolare siberiana, sono state provate scientificamente con l'impiego di estratti idroalcolici totali in diversi studi, pubblicati su riviste accreditate già negli anni '70.

Tali proprietà sono riconducibili alla presenza di glicosidi fenilpropanoidici, in particolare il salidroside e la rosavidina, la cui struttura chimica è simile a quella della siringina (eleuteroside B), uno dei principi attivi dell'eleuterococco. Il salidroside ha pure mostrato un effetto anabolico aumentando la capacità lavorativa e il rendimento organico. La Rodiola produce un aumento della concentrazione plasmatica di beta-endorfine che previene le variazioni ormonali indicative dello stress, mostra un effetto cardioprotettivo e migliora la resistenza dell'organismo alle tossine.

STUDI TOSSICOLOGICI
Le ricerche tossicologiche confermano che gli estratti di Rodiola non presentano alcuna Tossicità alle dosi consigliate né a breve né a lungo termine, e non si sono riscontrati effetti secondari.

Studi farmacologici sulla Rhodiola

· Effetto anti- ipossia

E’ stato effettuato un esperimento con alcuni nuotatori immersi per un'ora in acqua ad altitudini comprese fra 5000 e 10.000 metri. E’ emerso che, in seguito alla somministrazione di Rhodiola, i livelli di acido lattico sono risultati significativamente più bassi. Una ulteriore applicazione, che ha recentemente riscosso una considerevole attenzione da parte dei ricercatori, riguarda l’effetto della Rhodiola come trattamento preventivo per l’adattamento alle alte quote contro la malattia della montagna.

· Alleviamento dei sintomi da affaticamento

L’uso di Rhodiola permette di migliorare significativamente le prestazioni atletiche ritardando l'affaticamento e consentendo l’ottimizzazione dell’energia durante l'esercizio fisico. Inoltre, essa è direttamente implicata nell’accrescimento dei livelli energetici sia come creatin-fosfato che come ATP (Adenosina Tri Fosfato). Gli scienziati sostengono che l’integrazione con la Rhodiola aumenti la capacità di resistenza e la massa magra corporea. I ricercatori ritengono, inoltre, che la Rhodiola riduca lo stress causato dall’esercizio fisico, andando ad agire sul sistema nervoso parasimpatico, il quale provoca rilassamento (al contrario del sistema nervoso simpatico che causa stimolazione).

· Effetto anti-invecchiamento

E’ stato provato che la Crenulatina, un componente chimico della Rhodiola, preserva le cellule epatiche inibendo la produzione di perossido lipidico. Può anche aumentare l'attività del siero SOD (un antiossidante naturale nel corpo ed un enzima chiave nel metabolismo dell’ossigeno), diminuire i radicali liberi e migliorare l'attività virale delle cellule. La Crenulatina, inoltre, ritarda lo sviluppo e la proliferazione di cellule tumorali nel tessuto polmonare umano, contribuendo a ridurre il tasso di mortalità correlato a tale patologia.

· Resistenza alle Radiazioni V ed effetto antitumorale

L'estratto di Rhodiola fa aumentare la tolleranza del corpo all’irradiazione da microonde proteggendo il sistema ematopoietico, che regola lo sviluppo e la formazione dei tumori.
La Rhodiola può contribuire a regolare numerose funzioni ormonali i cui stimoli partono a livello del cervello. Ad esempio, essa regola il numero dei leucociti, il glucosio nel sangue e promuove l'idrolisi delle proteine aumentando le funzioni della tiroide, delle ghiandole surrenali e delle ovaie.

· Effetti sul metabolismo

L’utilizzo della Rhodiola prolunga la resistenza dei muscoli e promuove il catabolismo delle proteine. L’integrazione con la Rhodiola può aumentare i livelli dell'acido glutammico e agevola la normalizzazione del metabolismo dopo l'esercizio fisico.

I test hanno indicato che la Rhodiola è, per molti aspetti, ancora più potente del ginseng. È un'erba straordinaria per coloro che si sottopongono ad un duro lavoro fisico o mentale. La Rhodiola migliora la resistenza fisica e le capacità mentali, compreso l'aumento di memoria. Il consumo, anche di modeste quantità, dell'estratto di Rhodiola migliora significativamente la capacità di assorbire ed utilizzare l'ossigeno.

Applicazione Clinica

Molti istituti di ricerca ed ospedali nel Tibet ed in Cina hanno effettuato delle valutazioni terapeutiche cliniche sulla Rhodiola. Da questi studi è emerso che la Rhodiola è efficace nei soggetti che presentano debolezza, scarso appetito, palpitazioni cardiache, insonnia. L'utilizzo dell’erba aumenta il livello di emoglobina nel sangue, il numero delle piastrine e riduce la frequenza cardiaca. Da ulteriori studi è emerso che potrebbe agire efficacemente riducendo gli effetti nocivi dell’alta quota sulle funzioni cardiache e polmonari. Utilizzando la Rhodiola in pazienti cardiopatici, si è dimostrata l’efficacia negli attacchi di angina pectoris con la riduzione della pressione arteriosa.

Conclusioni
L’estratto di Rhodiola  è risultato essere una miscela di erbe terapeutiche che migliorano efficacemente in modo naturale la salute.
Le proprietà cardiovascolari dell’erba hanno fatto sì che fosse utilizzata dagli olimpionici cinesi, dai militari e dagli astronauti russi negli ultimi dieci anni.
La Rhodiola è ricca in glicosidi, amminoacidi essenziali e microelementi; ha una straordinaria efficacia nella purificazione del sangue e nel migliorare la qualità dello stesso. E’ efficace anche nel trattamento delle emicranie, nell’alleviare i sintomi di affaticamento, nel ritardare la senilità, nel rinforzare la memoria e nel sostenere il sistema immunitario.

La Rhodiola è uno degli estratti di erbe più potenti e naturali disponibili sul mercato, inoltre è priva di effetti collaterali.

Fonti:
http://www.anagen.net
http://www.lerboristeria.com


venerdì 30 settembre 2011

UNA RICETTA PER LA SALUTE...

ESTÉE LAUDER COMPANIES E L’IMPEGNO SOCIALE
Breast Cancer Awareness: storia del programma a favore della prevenzione del tumore al seno.
Nel 1989 Evelyn Lauder, membro del Consiglio dei Sovrintendenti presso il Memorial Sloan-Kettering Cancer Center di New York, condusse una Campagna di raccolta fondi che fruttò 17 milioni di dollari, utilizzati poi per costruire ed attrezzare un intero piano dedicato alla cura del tumore al seno. Il Memorial Sloan-Kettering Hospital è l’istituzione privata di maggiori dimensioni esistente al mondo impegnata in questi scopi. Il piano è tuttora chiamato “Centro per il Seno Evelyn Lauder”, in segno di ringraziamento per quanto ricevuto.Evelyn Lauder ritenne poi necessario dare inizio ad un’altra Campagna per favorire la pubblica conoscenza del tumore al seno. Si incontrò con direttori di riviste femminili americane, riuscendo a far dichiarare Ottobre mese ufficiale per la prevenzione del tumore al seno negli Stati Uniti. Uno di questi incontri fu con Alexandra Penney, redattore capo della rivista SELF. Le due donne, insieme, pianificarono la prima iniziativa stampa su scala nazionale per promuovere l’educazione e la conoscenza del tumore al seno, nell’Ottobre 1991.Evelyn Lauder, dopo quest’opera di divulgazione, introdusse la Campagna Nastro Rosa, programma per la sensibilizzazione contro il tumore del seno, identificata dal simbolico nastrino rosa. Il 22 Settembre 1993, il Gruppo Estée Lauder annunciò un altro importante aspetto dell’iniziativa Nastro Rosa: la Fondazione Breast Cancer Awareness per la Ricerca del Tumore al Seno. Questa Fondazione è un’istituzione senza fini di lucro, garantita dallo Statuto 501  della legge americana, creata da Evelyn Lauder  e finalizzata alla raccolta e alla distribuzione di fondi per sostenere la ricerca sul tumore al seno presso le maggiori Istituzioni mediche. Evelyn Lauder, nel corso dei suoi viaggi intorno al mondo, ha parlato a migliaia di persone sottolineando l’importanza della prevenzione. Il Gruppo Estée Lauder, grazie anche alla collaborazione dei media, ha lanciato la Campagna di maggior rilevanza e influenza per educare le donne e riuscire a limitare la mortalità del tumore al seno. La signora Lauder sapeva, tuttavia, che molto ancora si doveva fare per rendere le donne consapevoli dei rischi del tumore al seno: sapeva che quante più donne si fossero informate sull’importanza di una diagnosi precoce, tante più vite si sarebbero salvate e che era necessario contribuire alla ricerca per trovare una cura fino al punto di affermare che: “l’impegno Estée Lauder in questo campo cesserà solo quando questa malattia sarà debellata”. Evelyn Lauder decise pertanto di fondare la Campagna Nastro Rosa, simbolizzata da un nastrino rosa e che ha luogo da allora, in tutto il mondo, in ottobre. Durante questo mese milioni di nastri rosa e di booklet informativi sulla prevenzione vengono distribuiti gratuitamente, grazie alla capillare rete di profumerie e stores di Estée Lauder Companies. Milioni di donne oggi sono più informate, più consapevoli; i mezzi d’informazione hanno contribuito in maniera determinante e ciascuno dei 90 Paesi coinvolti ha interpretato con specificità la Campagna Nastro Rosa, attraverso l’illuminazione in rosa di monumenti e forme diverse di raccolta fondi. Negli Stati Uniti i proventi della raccolta vengono donati alla Breast Cancer Research Foundation. In Italia  alla "Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori".
La Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori (LILT) è l’unico Ente Pubblico esistente in Italia con la specifica finalità di combattere il cancro attraverso la prevenzione, ma è anche la più antica organizzazione del settore. Venne, infatti, costituita nel lontano 1922 e già nel 1927 ottenne il riconoscimento giuridico e la qualifica di “Ente Morale”, con decreto di Vittorio Emanuele III, Re d’Italia. Opera senza fine di lucro su tutto il territorio nazionale, sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, la vigilanza diretta del Ministero della Salute, di cui costituisce l’unico braccio operativo, quella indiretta del Ministero dell’Economia e delle Finanze ed il controllo della Corte dei Conti. Collabora con lo Stato, le Regioni, le Province, i Comuni e con le principali organizzazioni operanti in campo oncologico nazionale. A livello internazionale è membro dell’European Cancer Leagues (ECL), dell’Union for International Cancer Control (UICC), dell’European Men’s Health Forum (EMHF) e mantiene rapporti con l’American Cancer Society e con analoghe istituzioni in Cina, Albania, Kosovo.

martedì 27 settembre 2011

Le ricette della nonna...

Si sa, la nonna é il simbolo delle buone ricette.
I suoi consigli sono sempre utili e azzeccati. La nonna sa farti risparmiare con le sue ricette fatte di cose semplici, genuine ed economiche.
Qual' é la ricetta della nonna che  sei solita/o preparare spesso e volentieri?
Racconta... sul forum di ricettefacili!


lunedì 26 settembre 2011

OLIO DI NEEM CONTRO LE ZANZARE

Un rimedio atossico per l’uomo le piante e gli animali è l’OLIO di NEEM, un millenario insetticida naturale che ha cominciato ad essere usato anche da noi rivelandosi efficace nella lotta alle zanzare, sia come larvicida, sia come repellente, perché gli insetti non ne sopportano l’odore.
SPRUZZATO
Miscelato con acqua, in rapporto mediamente di 1:100 (1 litro olio e 99 litri acqua) può essere nebulizzato (a basso volume e a sole calato, in quanto fotosensibile) su vaste superfici (come in agricoltura biologica) e su persone, animali ed i luoghi in cui si soggiorna, anche all ’aperto (giardini, siepi, piante, orti e frutteti).

Per un metodo casalingo: diluire poche gocce di olio di Neem in 1 litro di acqua tiepida o in acqua a temperatura ambiente alla quale andrà aggiunta una scaglia di sapone di Marsiglia (per scioglierlo) e irrorare con un piccolo spruzzatore a mano. Per superfici più estese sarà utile un irroratore a spalla.

SPALMATO
Per proteggere meglio i bambini, gli animali domestici e le persone più sensibili, aggiungere qualche goccia di olio di Neem ad una crema da spalmare sulle parti scoperte del corpo.

LARVICIDA
Qualche goccia di olio di Neem in acqua stagnante (sottovasi, vasi con fiori, grondaie, piccoli depositi non copribili, ecc.) impedisce alle larve di zanzara di raggiungere il pieno sviluppo.

É ricavato da spremitura a freddo dei semi dell'omonima pianta definita in India "farmacia del villaggio" per i suoi innumerevoli utilizzi terapeutici.

Funzione INSETTIFUGA : in assenza del prodotto specifico a base di neem (e se non dà fastidio il forte aroma dell'olio puro), spargere e massaggiare l’olio sulle parti da proteggere, fino a completo assorbimento (non si ungeranno vestiti e lenzuola). Per lo più si noterà che gli insetti (soprattutto le zanzare) tenderanno a volare vicinissimi alla pelle "trattata" senza posarsi. In luogo aperto e ventilato, dove l'esalazione dalla pelle è meno intensa, può succedere che qualche zanzara si posi e cerchi di pungere, ma, iniziata la penetrazione, sentirà l'effetto dell' olio sulla pelle impregnata e interromperà l'azione. Si vedrà sulla pelle un segno leggero senza rigonfio (e prurito).

PUNTURE DI INSETTI E PARASSITI: se non si è protetta prima la pelle, applicare e massaggiare sopra e intorno ai rigonfi, che caleranno in breve tempo, mentre spariscono quasi subito pruriti o dolori. Se i rigonfi vengono rotti, cicatrizzeranno in poco tempo.

Uso VETERINARIO : risolutivo su punture e morsi di insetti e parassiti, morsi e graffi di altri animali. Le funzioni primarie sono antisettica e cicatrizzante. Il trattamento con olio è utile per la disinfestazione dai parassiti. Si sa di almeno un caso in cui la ferita sul garretto di un cavallo, ritenuta inguaribile (con previsione di abbattimento dell'animale) data la posizione, si è rimarginata dopo varie applicazioni di olio di neem.

Esistono in commercio soluzioni già pronte, a base di Neem, da nebulizzare o spalmare, ma anche spirali, bracciali protettivi, spray, diffusori e incensi.
DOVE TROVARLO?
L’olio e i prodotti a base di Neem sono reperibili nelle erboristerie ben fornite, nei punti di vendita dei Rimedi Ayurvedici e presso i produttori, anche on line.


lunedì 15 agosto 2011

"ricettefacili" ... quasi due anni!!!

Tra due mesi il blog "ricettefacili" festeggera' i suoi due anni di vita... Sono molto soddisfatta dei Vostri consensi e del numero di visite fin'ora ottenute.
Naturalmente si può fare ... e si farà di più!
Nel frattempo ringrazio affettuosamente tutti Voi ... miei fedeli lettori e Vi invito tutti a partecipare al forum di ricettefacili
dove puoi condividere le tue ricette, i tuoi segreti in cucina e parlare di cibo e di ciò che vuoi!!!


lunedì 18 luglio 2011

TORTINO DI SPINACI E PROVOLA, AL FORNO


Capita. a volte, di non sapere proprio cosa cucinare ... Fa caldo e non si ha voglia di mettersi ai fornelli!
Quello che consiglio è di preparare qualcosa al forno così da evitare di stare a controllare di continuo!
La pietanza di oggi è un TORTINO DI SPINACI E PROVOLA, AL FORNO : semplicissimo da preparare e ottimo da gustare sia come piatto caldo che come piatto freddo! A voi la scelta!

INGREDIENTI: spinaci freschi o surgelati, provola dolce o affumicata ( secondo i gusti ), sale, pepe, olio extravergine d'oliva, grana grattugiato, latte, 2-3 uova, noce moscata,  pangrattato.

PROCEDIMENTO:
  • Lessare o cuocere a vapore gli spinaci e scolare della loro acqua di cottura.
  • Condire con sale, pepe, noce moscata, latte, grana grattugiato, olio extravergine d'oliva, 2-3 uova (leggermente sbattute), dadini di provola dolce o affumicata, pangrattato.
  • Mescolare il tutto, amalgamando il composto finchè risulterà abbastanza omogeneo.
  • Ungere una tortiera con un filo d'olio d'oliva, usando un tovagliolo di carta ed eliminando l'olio in eccesso.
  • Versare all'interno il composto e mettete in forno a 180 gradi fino a doratura.
  • Sentirete che profumino!!!

Ricette Last Minute Top 100 Cooking Blog

Biovita, prodotti per il benessere e la salute

mercoledì 13 luglio 2011

TORTINO GRATINATO DI FINOCCHI


Il finocchio un alleato di salute e bellezza: diuretico, depurativo, privo di grassi, ricco di sali minerali soprattutto di potassio, ricchissimo di fibra, ottima per le attività intestinali e le diete dimagranti. Ricco di fitoestrogeni ( ormoni vegetali che hanno influsso sul sistema ormonale femminile ), il finocchio contrasta i sintomi tipici della menopausa, ma migliora anche la funzione mestruale, riducendo i disturbi che possono precederla.
Il finocchio è senza dubbio un prodotto dell'orto davvero indicato per chi cerca di ritrovare la linea e vuole arricchire la propria dieta alimentare variandola con l'aiuto di ortaggi salutari.
Ecco una ricetta gustosa e leggera a base di finocchio...


INGREDIENTI: 4 - 5 finocchi di medie dimensioni, sale, pepe, olio extravergine d'oliva, noce moscata, grana o parmigiano grattugiato, pangrattato, acqua ( per la cottura a vapore).

PROCEDIMENTO:
  • Pulire, lavare e mettere a scolare i finocchi.
  • Tagliare come per fare un'insalata e sbollentare (e poi scolare) o  far cuocere a vapore.
  • Ungere con un filo d'olio una pirofila e spolverare di pangrattato.
  • Condire i finocchi cotti a vapore con sale,  pepe nero,  noce moscata, un filo d'olio extravergine d'oliva grana o parmigiano grattugiato.
  • Ammorbidire l'impasto con un pò di acqua di cottura.
  • Versare l'impasto nella pirofila, livellare con un cucchiaio e infornare a 180 C° per il tempo necessario alla gratinatura.
  • Ottimo servito tiepido ... ma gustosissimo anche freddo.
  • Buon appetito!

 
Ricette Last Minute Top 100 Cooking Blog

Risparmia con le Offerte di CasaHenkel






lunedì 27 giugno 2011

MELANZANE AL FORNO


Ecco un contorno vegetariano velocissimo da preparare, gustoso, fresco ... e dal condimento prettamente mediterraneo!!!

INGREDIENTI: 4-5 melanzane di medie dimensioni, olio extravergine d'oliva, sale, pepe, origano.

PROCEDIMENTO:
  • Lavate e asciugate le melanzane.
  • Tagliatele a fette di  mezzo centimetro circa di spessore, facendo in modo che lo abbiano piu' o meno tutte uguale.
  • Disponetele, una accanto all'altra, su una placca da forno rivestita con carta forno.
  • Praticate su ogni fetta, con la lama di un coltello, delle incisioni, prima in senso orizzontale e poi in verticale, facendo in modo di non arrivare fino in fondo con la lama. Le fette di melanzana devono sembrare a dadini al loro interno!
  • Conditele con un filo d'olio extravergine d'oliva, sale, pepe, origano.
  • Coprite con un foglio di alluminio e mettete in forno, preriscaldato  a 180 C°, per 10-15 minuti.
  • Togliete il foglio di alluminio e lasciate ancora in forno per qualche minuto, fino ad ultimare la cottura.
  • Ottime da mangiare calde ... ma delicate e gustose da servire come contorno freddo!!!
  • Buon appetito!
Ricette Last Minute Top 100 Cooking Blog

Biovita, prodotti per il benessere e la salute









venerdì 17 giugno 2011

RUOTE POMODORINI CILIEGINA E RUCOLA


Un piatto fresco ... un' insalata di pasta... ma con pochi ingredienti! Il risultato, però, è veramente "estivo" e gustoso! Grazie Maria G.!

INGREDIENTI (per 4 persone): 500 g di pasta "ruote", 300 g di pomodorini ciliegina, sale, olio extravergine d'oliva, cipolla, ( a piacere, per completare, formaggio a dadini o grattugiato).

PROCEDIMENTO:
  • Lavate e asciugate per bene i pomodorini.
  • Tagliate la cipolla a dadini e fatela leggermente rosolare in una padella con un filo d'olio extravergine d'oliva.
  • Aggiungete i pomodorini, fate cuocere e aggiustate di sale.
  • Lavate e asciugate la rucola fresca e tenetela da parte.
  • Cuocete le ruote in abbondante acqua bollente, salata al punto giusto e scolatele al dente.
  • Condite le ruote con i pomodorini e completate con  la rucola!
  • Buon appetito!

Ricette Last Minute Top 100 Cooking Blog

Risparmia con le Offerte di CasaHenkel

lunedì 30 maggio 2011

NON SONO UNA MANIACA DELLA PULIZIA...



Non sono una maniaca della pulizia... ma amo l'ordine e l' igiene. Con tre maschi in casa ( marito e figli, di cui uno ancora piccolo) non é proprio tutto come vorrei ...

Mi piacerebbe che in casa ogni cosa avesse il proprio posto ... e che ognuno rimettesse al proprio posto ciò che usa!

Un'utopia purtroppo, almeno finché il "monello" più piccolo non sarà diventato un ometto!

Posso, però, dire con sincerità che i miei "uomini", "abituati a dovere", mi aiutano in casa come meglio possono.

La vita insieme é anche condivisione e collaborazione.

É bello dedicarsi alla casa mentre ognuno apporta il suo contributo.

Si ha più voglia ... e più tempo di dedicarsi alla cucina ... anche per " premiare" l'impegno collettivo e gustare meritatamente un bel pranzetto o una buona cenetta!

Dici la tua in merito ... come vivi la casa, la famiglia, la cucina?


Ricette Last Minute Top 100 Cooking Blog


mercoledì 25 maggio 2011

COZZE GRATINATE



Dalla ricetta di mia zia Anna... ottima cuoca!

INGREDIENTI: cozze fresche ben lavate, aglio tritato, pangrattato, prezzemolo tritato, grana o pecorino grattugiato, olio extravergine d’oliva, vino bianco, pepe nero, sale, succo di limone, provolone tagliato a dadini.

PROCEDIMENTO:
  • Mettere le cozze in una padella capiente, bagnarle con del vino bianco e coprirle con il coperchio.
  • Una volta aperte, togliere le cozze dalla padella ed eliminare una parte del guscio.
  • Filtrare il liquido di cottura, aggiustare di sale e tenere da parte.
  • Preparare la farcia in una scodella con il pangrattato, il grana o pecorino grattugiato, il sale, il pepe, l’olio d'oliva, il succo di limone, il prezzemolo e l’aglio tritati. Inumidire bene il tutto con il liquido di cottura tenuto da parte.
  • Condire le cozze una ad una con la farcia inserendo all’interno di ciascuna due tre dadini di provolone.
  • Disporre in una teglia foderata di carta forno e infornare a 180 C° per 15-20 minuti.
  • Gustare calde.
N.B. Una volta preparate le cozze possono essere congelate ed essere infornate in un successivo momento ancora congelate.

Ricette Last Minute Top 100 Cooking Blog

Macchina Lavazza in Uso Gratuito

domenica 22 maggio 2011

IL FORUM DI ricettefacili



Vi dò il benvenuto sul forum di "ricettefacili". Quì si potranno condividere le proprie ricette più gustose con chi è amante della buona cucina!

Si potranno chiedere consigli a chi è più esperto se non si è proprio un "asso" in cucina!!!

Si potrà parlare di cibo e raccontare le proprie esperienze legate ad esso ...

Sarà possibile esprimere le proprie opinioni, fare critiche ( per me sempre costruttive!), rilassarsi e parlare di tutto ciò di cui si ha voglia!!!

Vi aspetto numerosi!!!
Tix






venerdì 20 maggio 2011

FRAGOLE ALLA MENTA


Che bontà le fragole!!! Beh ... chi non ne va ghiotto? Vi presento un modo giovane, originale e profumatissimo di preparararle e servirle!

INGREDIENTI: 4-5   cestinetti di fragole, un bicchiere di succo di ananas 100% non zuccherato,   
1 bicchiere di succo d'arancia rossa, succo di limone,  zucchero di canna, 1 bicchiere di vino rosso, menta fresca.

PROCEDIMENTO:
  • Lavare per bene le fragole in acqua fredda e bicarbonato di sodio.
  • Tagliarle in piccoli pezzi in una scodella e irrorarle con il succo di limone.
  • Aggiungere lo zucchero di canna e mescolare il tutto, fino allo sciogliersi dello zucchero.
  • Aggiungere il succo d'ananas, il succo d'arancia e il vino rosso.
  • Mescolare nuovamente e lasciare riposare in frigo.
  • Lavare la menta fresca facendo in modo da lasciare dei piccoli ciuffetti.
  • Aggiungere la menta alle fragole e servire.
  • Buona degustazione!


Ricette Last Minute Top 100 Cooking Blog

Biovita, prodotti per il benessere e la salute

Linkwithin

Related Posts with Thumbnails